Mappa del sito
العربية Български 中文 Čeština English Français Deutsch हिन्दी Bahasa Indonesia Italiano Bahasa Malay اردو Polski Português Română Русский Srpski Slovenský Español ไทย Nederlands Українська Vietnamese বাংলা Ўзбекча O'zbekcha Қазақша

Area clienti InstaForex

  • Impostazioni personali dell'area
  • Accesso a tutti i servizi della compagnia
  • Dettagliate statistiche e reporting delle transazioni
  • Gamma completa delle operazioni finanziarie
  • Sistema di gestione di più conti
  • Massimo livello di protezione dei dati

Area affiliati InstaForex

  • Deattagliate informazioni su clienti e commissioni
  • Statistiche grafiche di conti e clic
  • Indispensabili strumenti per webmaster
  • Soluzioni-web pronte e vasta scelta di banner
  • Alta sicurezza dei dati
  • Notizie azendali, feed-RSS e informer-Forex
Aprire un conto trading
Programma di affiliazione
cabinet icon

Un'altra Lamborghini da InstaForex!E al suo volante puoi esserci proprio tu!

Non devi fare altro che ricaricare il conto trading con almeno 1000 dollari!

Ottieni le migliori condizioni di trading ed eccezionali proposte di bonus! Abbiamo già consegnato 6 leggendarie auto sportive! E non è tutto! La prossima Lamborghini Huracan dell'ultima generazione può diventare tua!

InstaForex – investi nelle tue vittorie!

Rapida apertura di un conto

Ricevere la lettera formativa
toolbar icon

Piattaforma di trading

Per dispositivi mobili

Per il trading nel browser

Long-term review

"Il NAFTA è morto, diamo il benvenuto all'USMCA", è così che possiamo descrivere gli eventi dello scorso weekend. Nonostante le previsioni pessimistiche, le accuse e le minacce reciproche, Washington e Ottawa furono in grado di negoziare e concludere un nuovo accordo commerciale. I negoziati durarono più di due anni e avrebbero dovuto essere completati nella primavera di quest'anno, alla vigilia delle elezioni presidenziali in Messico. Ma il dialogo non solo è durato troppo, ma è minacciato di fallimento diverse volte con tutte le conseguenze che ne derivano. Pertanto, la notizia di aver raggiunto una soluzione di compromesso ha suscitato scalpore, specialmente tra i trader della coppia USD / CAD.

Permettetemi di ricordarvi che alla fine della scorsa settimana il "loonie" era in uno stato molto depresso, avvicinandosi ai confini della 31a figura. Donald Trump ancora una volta ha minacciato di imporre dazi sull'importazione di auto e pezzi di ricambio, dicendo che il Canada "si comporta male". Ha anche osservato che gli Stati Uniti sono insoddisfatti dei negoziatori canadesi, poiché la loro posizione è "non costruttiva". Inoltre, Trump ha rifiutato di incontrare il primo ministro canadese Justin Trudeau all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, dopo di che le voci secondo le quali Washington si stava preparando a ritirarsi unilateralmente dal NAFTA hanno cominciato a diffondersi sul mercato. Gli esperti hanno persino definito le date possibili di questo passaggio: novembre-dicembre di quest'anno, cioè dopo le elezioni al Congresso.

Exchange Rates 02.10.2018 analysis

Pertanto, quando il Venerdì sera nella stampa americana e canadese cominciarono ad apparire i segnali che Washington e Ottawa finalmente concordarono, la coppia USD / CAD è sceso a 150 punti. Era una notizia davvero inaspettata, data tutta la precedente retorica delle parti. In seguito, i funzionari hanno confermato queste informazioni emettendo una dichiarazione congiunta. Il dollaro canadese ha reagito di conseguenza, iniziando la settimana di trading con un gap al ribasso (1.2850) in coppia con la valuta statunitense.

Vale la pena notare che non sappiamo quasi nulla dell'accordo. Al momento, è noto che le parti hanno deciso di abbandonare il nome NAFTA, sostituendolo con USMCA (Stati Uniti — Messico — Canada, cioè "Accordo USA, Messico e Canada"). Donald Trump lo ha insistito in estate quando ha raggiunto un compromesso con i messicani. Si tratta di una mossa puramente politica, poiché anche durante la campagna elettorale ha promesso di riconsiderare o abbandonare completamente il NAFTA: ora questo accordo durato 24 anni è passato alla storia e Trump può registrare questo fatto nel suo patrimonio politico.

Tuttavia, un "cambio di insegna" è insignificante e solo un passo per l'immagine. Molto più importante è l'essenza delle nuove relazioni commerciali. Secondo fonti della stampa canadese, ora stiamo parlando solo degli accordi chiave, e ufficialmente l'accordo sarà firmato entro i prossimi due mesi (molto probabilmente, fino al 6 novembre, cioè prima delle elezioni per il Congresso degli Stati Uniti).

Ciò che le parti hanno concordato non è noto con certezza. Informazioni interne suggeriscono che i produttori americani ora avranno ampliato l'accesso al mercato lattiero-caseario canadese. Questo è un punto importante, poiché la lobby dei produttori di "latte" ha una grande influenza nella struttura politica canadese, e questo particolare punto dell'accordo è stato a lungo un ostacolo.

Come compromesso, le parti non hanno abbandonato il sistema di regolamentazione delle controversie antidumping. Il Canada si è costantemente opposto alla soppressione dell'articolo sulla risoluzione delle controversie commerciali in un tribunale arbitrale speciale, in quanto Ottawa ritiene che i produttori locali del settore di produzione e trattamento di legname e di pasta e carta potrebbero soffrire di questo. La Casa Bianca per due anni ha insistito sull'esclusione di questo articolo, ma alla fine ha deciso di sacrificarlo, perché in cambio è stato ricevuto un compenso sostanziale.

Nel complesso, nel contesto del mercato dei cambi, non è così importante quali punti dell'accordo sono stati sacrificati dalle parti al fine di raggiungere un compromesso. Per i trader della coppia USD / CAD, è sufficiente che i punti chiave siano concordati e che la minaccia di nuovi dazi sia passata. Ora i partecipanti al mercato possono concentrarsi completamente sulle prospettive della politica monetaria, in quanto i rappresentanti della Banca del Canada hanno ripetutamente accennato a un altro rialzo dei tassi di interesse prima della fine di quest'anno.

I dati sulla crescita del PIL pubblicati lo scorso venerdì non possono che rafforzare la posizione "da falco" dei membri del regolatore canadese. Il dato di luglio è risultato migliore del previsto: su base mensile, l'indicatore è salito allo 0,2% (con una previsione dello 0,1%) e su base annua al 2,4% (con una previsione del 2,2%). È improbabile che il calo dell'inflazione di agosto cambi la retorica della banca centrale canadese, poiché questo era previsto (l'indice dei prezzi al consumo è sceso a -0,1%) e le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,3%.

Tutto ciò suggerisce che in uno dei due incontri rimanenti di quest'anno (24 ottobre e 5 dicembre), il regolatore canadese potrebbe aumentare il tasso di interesse per la terza volta, fornendo supporto alla valuta canadese.

Exchange Rates 02.10.2018 analysis

La prospettiva della direzione verso il basso della coppia USD / CAD è anche confermata dal quadro tecnico: sul grafico giornaliero e settimanale, la coppia si trova sulla linea inferiore delle bande di Bollinger. Questo indica una tendenza al ribasso. Sulla D1, la coppia è anche sotto la nuvola Kumo e sotto tutte le linee dell'indicatore Ichimoku Kinko Hyo, un altro punto per la vendita. Il livello di supporto è il limite inferiore della nuvola Kumo sul grafico settimanale che corrisponde al prezzo di 1,2750. Il livello di resistenza corrisponde alla linea superiore della nuvola Kumo di cui sopra, questo è 1,2920.

*La presente analisi del mercato ha un carattere esclusivamente informativo e non rappresenta una guida per l`effettuazione di una transazione.

Distinti saluti,
Analista del: Irina Manzenko
GS InstaForex © 2007-2019
Benefit from analysts’ recommendations right now
Top up trading account
Get a bonus from InstaForex

InstaForex analytical reviews will make you fully aware of market trends! Being an InstaForex client, you are provided with a large number of free services for efficient trading.