Mappa del sito
العربية Български 中文 Čeština English Français Deutsch हिन्दी Bahasa Indonesia Italiano Bahasa Malay اردو Polski Português Română Русский Srpski Slovenský Español ไทย Nederlands Українська Vietnamese বাংলা Ўзбекча O'zbekcha Қазақша

Area clienti InstaForex

  • Impostazioni personali dell'area
  • Accesso a tutti i servizi della compagnia
  • Dettagliate statistiche e reporting delle transazioni
  • Gamma completa delle operazioni finanziarie
  • Sistema di gestione di più conti
  • Massimo livello di protezione dei dati

Area affiliati InstaForex

  • Deattagliate informazioni su clienti e commissioni
  • Statistiche grafiche di conti e clic
  • Indispensabili strumenti per webmaster
  • Soluzioni-web pronte e vasta scelta di banner
  • Alta sicurezza dei dati
  • Notizie azendali, feed-RSS e informer-Forex
Aprire un conto trading
Programma di affiliazione
cabinet icon

Un'altra Lamborghini da InstaForex!E al suo volante puoi esserci proprio tu!

Non devi fare altro che ricaricare il conto trading con almeno 1000 dollari!

Ottieni le migliori condizioni di trading ed eccezionali proposte di bonus! Abbiamo già consegnato 6 leggendarie auto sportive! E non è tutto! La prossima Lamborghini Huracan dell'ultima generazione può diventare tua!

InstaForex – investi nelle tue vittorie!

Rapida apertura di un conto

Ricevere la lettera formativa
toolbar icon

Piattaforma di trading

Per dispositivi mobili

Per il trading nel browser

Long-term review

Il mercato petrolifero sospirò con sollievo dopo aver saputo che l'uragano tropicale Barry non aveva causato molti danni alle compagnie che operavano nel Golfo del Messico. Questa regione rappresenta circa il 16% della produzione d'oro nero negli Stati Uniti e il fatto che circa il 74% delle società di produzione e di raffinazione di petrolio siano state chiuse ha spinto le quotazioni di Brent ai massimi livelli dalla fine di maggio. Il graduale ritorno del Golfo del Messico al suo normale funzionamento, il rallentamento dell'economia cinese al 6,2% nel secondo trimestre e le spiacevoli notizie dall'AIE che hanno riportato una crescita delle risorse globali, forzano i "tori" da entrambi i lati di fissare il profitto.

Secondo le valutazioni della US Energy Information Administration, il volume di produzione di scisto negli Stati Uniti ad agosto aumenterà di 49 mila barili al giorno cioè fino a 8,55 milioni di barili al giorno, che, insieme alle guerre commerciali e al conseguente rallentamento della domanda globale, è il principale rallentatore nel mercato dell'oro nero. Tuttavia, il WTI sta crescendo più velocemente che le azioni delle compagnie energetiche statunitensi, il che indica la riluttanza degli azionisti a spendere i soldi per l'espansione della produzione. Ciò è confermato dalla caduta delle piattaforme di perforazione di Backer Hughes, e insieme alla quinta riduzione consecutiva delle riserve petrolifere statunitensi (secondo la stima di consenso degli esperti Bloomberg, a risultanza della settimana entro il 15 luglio la cifra scenderà di 2,75 milioni di barili) consente "i tori" di Brent e WTI sentirsi al sicuro.

Dinamica del petrolio e azioni di compagnie energetiche statunitensi

Exchange Rates 16.07.2019 analysis

Inoltre, il conflitto in Medio Oriente può in qualsiasi momento trasformarsi in una vera guerra, e l'accordo dell'OPEC e di altri paesi produttori impedisce la crescita delle riserve globali.

Dinamiche produttive delle esportazioni dell'OPEC, degli Stati Uniti e dell'Iran

Exchange Rates 16.07.2019 analysis

Secondo la società di consulenza americana Rapidan, se Teheran bloccherà lo Stretto di Hormuz, l'oro nero salirà di 15-20 dollari al barile al momento, ma poi gli speculatori cominceranno a prendere profitti a causa delle aspettative sull'introduzione delle truppe statunitensi nella regione. Il secondo picco seguirà il primo, quindi la dinamica di Brent e WTI ricorderà la lettera "M". Il potenziale aumento dei prezzi è subordinato alla durata del conflitto. L'opposizione di una settimana tra gli Stati Uniti e l'Iran farà salire i prezzi del prodotto del Mare del Nord a $ 80-90 al barile. I numeri a tre cifre diventeranno realtà se il conflitto si protrae per un mese o più.

Non l'ultimo ruolo nel destino del petrolio ha il dollaro USA. A prima vista, l'intenzione della Fed di allentare la politica monetaria e gli interventi verbali di Donald Trump avrebbero dovuto porre fine alla tendenza rialzista dell'indice USD. Tuttavia, l'economia mondiale si trova in uno stato di guerra valutaria, quando le banche centrali, concorrenti della Federal Reserve, allentano la politica monetaria, contribuiscono alla devalutazione delle proprie unità monetarie e impediscono alla "americana" di cadere.

Tecnicamente, l'aggiornamento dei massimi di luglio con il successivo assalto di resistenza riuscito a $ 68,45 per barile attiva il modello "Granchio" con un obiettivo del 161,8% dell'onda XA che corrisponde a $ 77,5.

Grafico giornaliero secondo Brent

Exchange Rates 16.07.2019 analysis

*La presente analisi del mercato ha un carattere esclusivamente informativo e non rappresenta una guida per l`effettuazione di una transazione.

Distinti saluti,
Analista del: Marek Petkovich
GS InstaForex © 2007-2019
Benefit from analysts’ recommendations right now
Top up trading account
Get a bonus from InstaForex

InstaForex analytical reviews will make you fully aware of market trends! Being an InstaForex client, you are provided with a large number of free services for efficient trading.