Mappa del sito
العربية Български 中文 Čeština English Français Deutsch हिन्दी Bahasa Indonesia Italiano Bahasa Malay اردو Polski Português Română Русский Srpski Slovenský Español ไทย Nederlands Українська Vietnamese বাংলা Ўзбекча O'zbekcha Қазақша

Area clienti InstaForex

  • Impostazioni personali dell'area
  • Accesso a tutti i servizi della compagnia
  • Dettagliate statistiche e reporting delle transazioni
  • Gamma completa delle operazioni finanziarie
  • Sistema di gestione di più conti
  • Massimo livello di protezione dei dati

Area affiliati InstaForex

  • Deattagliate informazioni su clienti e commissioni
  • Statistiche grafiche di conti e clic
  • Indispensabili strumenti per webmaster
  • Soluzioni-web pronte e vasta scelta di banner
  • Alta sicurezza dei dati
  • Notizie azendali, feed-RSS e informer-Forex
Aprire un conto trading
Programma di affiliazione
cabinet icon

InstaForex – sempre e solo avanti!Apri un conto trading ed entra a far parte del team InstaForex Loprais!

La storia delle vittorie dell'equipaggio guidato da Alex Loprais può diventare la storia del tuo successo! Negozia con altrettanta potenza e mira alla leadership proprio così come fa il partecipante fisso al rally «Dakar», nonchè vincitore del rally «La via della seta», il team InstaForex Loprais!

Unisciti e vinci assieme ad InstaForex!

Apertura rapida di un conto

Ricevere la lettera formativa
toolbar icon

Piattaforma di trading

Per dispositivi mobili

Per il trading nel browser

Il dollaro USA continua a essere richiesto nelle condizioni attuali, quando le economie dei paesi sviluppati possono dimostrare un calo record del PIL per il secondo trimestre di quest'anno, in mezzo alla diffusione del coronavirus nel mondo. E se la Cina ha recentemente revocato le restrizioni sulla quarantena, COVID-19 sta guadagnando forza in altri paesi. In totale, secondo la Johns Hopkins University, il numero di casi ha già superato 1,4 milioni e il numero di morti è di 82.000. Gli Stati Uniti hanno già superato la soglia per il maggior numero di persone infette, dove i test hanno determinato la presenza del virus in quasi 400.000 persone. Queste cifre confermano ancora una volta la gravità del problema che l'economia dovrà affrontare entro l'estate di quest'anno.

Exchange Rates 09.04.2020 analysis

A questo proposito, le misure che sono state indicate ieri nel verbale della riunione del Federal Reserve System non sembrano esagerate. Tuttavia, la pubblicazione dei verbali non ha avuto un grave impatto sui mercati, ma, al contrario, li ha persino supportati, poiché la reazione fulminea della leadership alla pandemia contribuirà a una ripresa economica più rapida, indipendentemente dalle difficoltà che dovrà affrontare in futuro. Sono già in corso discussioni su nuovi pacchetti di misure volte a sostenere le imprese in tempi di crisi. Ricordo che ai primi di marzo, in una riunione straordinaria la Fed ha abbassato più volte i tassi di interesse quasi a zero, annunciando l'introduzione di oltre sei nuovi strumenti di prestito per stabilizzare la situazione. Riguarda il debito societario e il sostegno alla liquidità in dollari. Molto probabilmente, in futuro l'elenco delle misure della Banca centrale sarà ampliato.

In una dichiarazione di ieri, il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato che prevede di raccogliere più di $ 2 trilioni per combattere Covid-19 da varie fonti, rilevando l'enorme domanda per buoni del tesoro di altissimo livello. Secondo le previsioni di Steven Mnuchin, oggi o domani, il Congresso dovrebbe approvare l'assegnazione di fondi aggiuntivi.

A giudicare dalle indagini degli economisti del WSJ, non ci si può aspettare nulla di buono dall'economia americana nel 2 ° trimestre di quest'anno. Il PIL USA dovrebbe diminuire del 25% e alla fine dell'anno i tassi di crescita potrebbero diminuire del 4,9%. Per quanto riguarda il mercato del lavoro, le prospettive non sono molto brillanti. Il WSJ prevede che il numero di posti di lavoro negli Stati Uniti a giugno sarà ridotto di 14,4 milioni e il tasso di disoccupazione raggiungerà il 13%. Oggi sarà pubblicato un rapporto sul numero di domande iniziali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana. Si prevede una crescita di 5 milioni.

Exchange Rates 09.04.2020 analysis

Il discorso del portavoce della Fed Charles Evans è stato pieno di pessimismo. Evans ritiene che anche con uno scenario migliore, l'economia sarà più debole dopo la crisi e che gli Stati Uniti hanno bisogno di un piano nazionale per affrontarne le conseguenze. Cosa si intende per definizione di "piano nazionale" non è chiaro. Molto probabilmente, parla di sforzi che vanno oltre i soliti compiti della Fed. Evans prevede una ripresa economica nella seconda metà dell'anno, come la maggior parte degli altri economisti.

Per quanto riguarda il quadro tecnico della coppia EUR/USD, è rimasto invariato rispetto alle previsioni di ieri. Problemi con l'ulteriore crescita della valuta europea rimangono nell'area di resistenza di 1.0900, al di sopra della quale non è stato possibile ottenere un punto d'appoggio ieri. È meglio che gli acquirenti di asset rischiosi non si affrettino ad aprire posizioni lunghe, ma piuttosto aspettano l'aggiornamento del supporto di 1.0825. La mancanza di attività da parte dei tori a questo livello indicherà un peggioramento della situazione sul mercato, che potrebbe riportare lo strumento di trading al minimo settimanale di 1.0770. È possibile parlare della continuazione della correzione al rialzo sull'euro solo dopo una rottura e un consolidamento al di sopra della resistenza di 1.0900, che porterà ad un aumento delle attività rischiose nella regione di 1.1020 e 1.1140.

Petrolio

Exchange Rates 09.04.2020 analysis

Oggi si presterà molta attenzione al mercato delle materie prime, e in particolare al quello del petrolio. I principali esportatori prevedono di organizzare un vertice virtuale, a seguito del quale, come molti si aspettano, la Russia e l'Arabia Saudita possono concludere un nuovo accordo per ridurre la produzione e porre fine alla guerra dei prezzi. Tali notizie alla fine della scorsa settimana hanno portato a un forte aumento delle quotazioni del petrolio dai loro minimi annuali, ma non è stata presa alcuna decisione ufficiale, quindi l'oro nero è stato scambiato abbastanza tranquillamente durante la settimana in corso. Tuttavia, l'Arabia Saudita ha dichiarato che avrebbe accettato una riduzione solo se altri produttori ed esportatori riducessero la loro produzione. Ciò vale anche per gli Stati Uniti, che devono anche adottare misure per ridurre la produzione. Giovedì scorso, il presidente Donald Trump ha tenuto un incontro con i capi delle maggiori compagnie petrolifere del paese, durante il quale sono state discusse tali misure.

Se viene presa una decisione di ridurre la produzione, è probabile che la crescita del petrolio continuerà a raggiungere l'area di $ 31,50 al barile per il marchio WTI, e l'obiettivo più lontano sarà la resistenza di $ 35 al barile. Un altro disaccordo su questo problema può portare rapidamente il petrolio al minimo di circa $ 20, spingendo molto rapidamente l'oro nero al segno psicologico di $ 15.

*La presente analisi del mercato ha un carattere esclusivamente informativo e non rappresenta una guida per l`effettuazione di una transazione.

Distinti saluti,
Analista del: Eder Anderson
GS InstaForex © 2007-2020
Approfittati subito dei consigli degli analisti
Deposita i fondi sul conto di trading
Apri un conto di trading

Le recensioni analitiche di InstaForex ti renderanno pienamente consapevole delle tendenze del mercato! Essendo un cliente InstaForex, ti viene fornito un gran numero di servizi gratuiti per il trading efficiente.