26.10.202009:25 EUR/USD. Anti-record di coronavirus e crescita traballante della valuta americana

All'inizio delle negoziazioni lunedì, l'indice del dollaro USA ha mostrato un leggero aumento. Il greenback sta rafforzando la sua posizione mentre il sentiment anti-rischio si intensifica. I trader stanno nuovamente utilizzando il dollaro come principale strumento difensivo, nonostante l'instabilità politica negli Stati Uniti e un altro fallimento nei negoziati su un nuovo pacchetto di aiuti per l'economia statunitense.

Una situazione simile si osservava la scorsa settimana. Nel corso di cinque giorni di negoziazione, i trader non sono stati in grado di decidere su quali fattori concentrare la propria attenzione. Coronavirus e battaglie politiche negli States sono diventati temi mainstream, alternandosi uno dopo l'altro. Inizialmente, gli investitori erano allarmati dal flusso di notizie dall'Europa: l'aumento dell'incidenza del COVID-19 ha costretto i principali paesi dell'UE a ricorrere nuovamente a restrizioni di quarantena inasprite. Questo fatto ha provocato un aumento del sentiment anti-rischio, dopo di che il dollaro ha nuovamente vinto gli allori del favorito nel mercato valutario.

Exchange Rates 26.10.2020 analysis

Tuttavia, venerdì, durante le battaglie pre-elettorali negli Stati Uniti, il biglietto verde ha dimostrato ancora una volta la sua vulnerabilità. L'ultimo giorno della settimana di negoziazione si è svolto un ultimo dibattito televisivo tra Trump e Biden, riportando i timori di un prolungato periodo di instabilità politica post-elettorale negli Stati Uniti. Secondo la maggior parte degli osservatori, il duello verbale si è concluso a favore di Biden, ma con un margine minimo. Ciò è indicato anche dai risultati di diversi sondaggi.

Ma qui il vantaggio percentuale minimo non gioca alcun ruolo. Anzi, non c'è stato un chiaro vincitore tra i candidati: il dibattito è finito in parità, mentre Biden ha commesso un errore piuttosto grave citando il nome del leader nazista in un contesto piuttosto errato. Questo fatto ha suggerito che al traguardo della corsa pre-elettorale Donald Trump ridurrà il divario con il suo principale rivale (prima dell'ultimo dibattito, il divario era dell'11%), aumentando le sue possibilità di rielezione. A proposito, 4 anni fa, nella stessa fase della campagna elettorale, Hillary Clinton aveva anche le più alte possibilità di vittoria. Tutti sanno qual è stato il risultato finale. Inoltre, è necessario tenere conto delle specificità del sistema elettorale americano - ad esempio, i risultati dei sondaggi nazionali devono essere correlati con le cifre in ogni singolo stato. Altrimenti, il sondaggio a livello nazionale può essere paragonato alla "temperatura corporea media in ospedale".

Molti analisti vedono la reazione della valuta americana alle battaglie politiche negli Stati Uniti nel contesto di una semplice domanda: quale candidato è migliore per il dollaro: Trump o Biden. Ma secondo me, il mercato stima (per ora) solo la probabilità di una crisi politica dopo l'annuncio dei risultati elettorali preliminari. Ecco perché venerdì l'indice del dollaro ha perso terreno: in seguito ai dibattiti televisivi, è diventato chiaro che la perdita di Trump non era più così evidente. Ciò significa che la squadra repubblicana lotterà per ogni voto, anche in tribunale, soprattutto visto il voto a distanza a causa del coronavirus (che è stato più volte criticato da Trump). In altre parole, l'assenza di un chiaro vincitore alle elezioni è un fattore negativo per il dollaro, e se il capo della Casa Bianca rafforza la sua posizione in vista dell'X-hour, il biglietto verde sarà di nuovo sotto pressione.

Tuttavia, durante la sessione asiatica di lunedì, l'indice del dollaro ha leggermente recuperato le sue posizioni: se venerdì le negoziazioni chiudevano a 92,77, il primo giorno di negoziazione l'indice è salito ai confini della 93a figura. La crescita è minima, ma qui è importante il trend stesso, che indica l'indebolimento della pressione sul biglietto verde.

Exchange Rates 26.10.2020 analysis

Il mercato è passato di nuovo al coronavirus. I trader non hanno potuto ignorare il flusso di notizie negative dall'Europa, che indica un aumento dell'incidenza in quasi tutti i paesi dell'UE. Ad esempio, in Italia nell'ultimo giorno sono stati rilevati quasi 20mila nuovi casi di COVID-19. Le autorità di questo paese hanno annunciato che presto annunceranno un ulteriore inasprimento delle misure. In Germania l'anti-record è stato aggiornato per la seconda volta in una settimana: il numero di casi confermati è aumentato di 15mila al giorno. Berlino si sta inoltre preparando a rafforzare in modo significativo le restrizioni di quarantena. In precedenza, il coprifuoco è stato introdotto nelle aree metropolitane e nelle grandi città della Francia, così come nei Paesi Bassi, nella Repubblica Ceca, in diverse regioni della Grecia e in alcune città della Spagna. In Polonia, il presidente del paese Andrzej Duda è stato contagiato dal coronavirus.

In altre parole, cresce il tasso di diffusione del coronavirus nei paesi europei, nonostante le misure restrittive prese. I leader anti-rating in termini di numero di nuovi casi di COVID-19 sono Francia, Spagna, Italia e Repubblica Ceca. Nel fine settimana, la situazione è solo peggiorata, quindi la reazione dei trader all'inizio del trading è prevedibile.

Ma a mio avviso il "fattore coronavirus" non potrà rafforzare la posizione del biglietto verde, anche se si considerano le prospettive di medio termine. Già durante la sessione americana di lunedì, il mercato passerà agli eventi politici negli Stati Uniti, soprattutto perché oggi scade un altro termine per i negoziati sul nuovo pacchetto di stimoli (spoiler: le parti non troveranno un compromesso con una probabilità del 95%).

Nel complesso, il dollaro è ancora una valuta vulnerabile e anche il fattore coronavirus non lo aiuta più a dominare il mercato. La situazione non può essere paragonata a quella primaverile (almeno al momento), poiché, in primo luogo, i paesi dell'UE non hanno ancora il coraggio di bloccarsi, e in secondo luogo, non manca la liquidità in dollari sul mercato (come è avvenuto a marzo). Più a tutto - il periodo pre-elettorale negli Stati Uniti, che non consente ai tori di manifestarsi appieno - anche quando lo sfondo fondamentale lo dispone.

Tutto ciò suggerisce che "investire" nel dollaro è ormai un'attività rischiosa. Parlando direttamente della coppia euro-dollaro, possiamo vedere che il prezzo si è allontanato dai massimi di venerdì, ma allo stesso tempo non ha aggiornato il minimo della settimana precedente. In altre parole, la coppia è ancora scambiata nel flat, intorno a 1,1815-1,1875, in cui è stata dallo scorso mercoledì. È possibile entrare long con il primo target di 1.1875 dalle posizioni attuali oppure avvicinandosi alla base della 18a figura. Il livello di resistenza successivo si trova appena sopra il livello di 1,1900.

*La presente analisi del mercato ha un carattere esclusivamente informativo e non rappresenta una guida per l`effettuazione di una transazione.

Distinti saluti,
Analista del: Irina Manzenko
GS InstaForex © 2007-2020
Approfittati subito dei consigli degli analisti
Deposita i fondi sul conto di trading
Apri un conto di trading

Le recensioni analitiche di InstaForex ti renderanno pienamente consapevole delle tendenze del mercato! Essendo un cliente InstaForex, ti viene fornito un gran numero di servizi gratuiti per il trading efficiente.

In questo momento non potete parlare al telefono?
Ponete la vostra domanda nella chat.