Support service
×

Capitolo 18. Valute delle materie prime sul Forex

Come abbiamo già scoperto nei capitoli precedenti, il prezzo della valuta è determinato da una grande varietà di fattori: economici, politici e altri. Tutti i fattori elencati riguardanti ciascun paese influenzano separatamente la sua valuta nazionale a modo suo - alcuni di più e altri meno. Ma sul Forex ci sono valute, i cui prezzi sono determinati principalmente da un fattore: le esportazioni del paese. Tali valute sono chiamate valute delle materie prime sul Forex.

La particolarità delle valute delle materie prime è che le economie di questi paesi si basano sulle esportazioni di materie prime: petrolio, gas, metalli e materie prime agricole. Ci sono molti paesi le cui valute si adattano a questa definizione. Le economie più avanzate che dipendono dalle esportazioni sono Canada, Australia e Nuova Zelanda. Poiché la valuta di questi paesi è il dollaro (locale in ogni paese), è comune chiamarli dollari delle materie prime o comdoll. Il fatto che le esportazioni di materie prime siano il principale fattore di benessere economico per questi paesi, le loro valute nazionali aumentano di valore ogni volta che i prezzi delle materie prime aumentano e viceversa. Questo è il motivo per cui gli esperti sottolineano la correlazione (interazione) del prezzo del petrolio nel mercato globale con le valute delle materie prime.

Il dollaro canadese (CAD), il dollaro australiano (AUD) e il dollaro neozelandese (NZD) sono tra le valute più scambiate sul Forex. Quindi, la comprensione delle loro specificità come valute delle materie prime contribuirà sicuramente al trading di successo nel mercato valutario. Studiamo ora ogni valuta delle materie prime separatamente e forniamo commenti per ciascuna di esse.

Il Canada è famoso per le sue riserve di petrolio dopo l'Arabia Saudita. Il petrolio è chiamato "l’oro nero", il che significa una forte domanda di questa merce nell'arena mondiale. Pertanto, grazie alla sua posizione vantaggiosa, il Canada sembra essere il principale esportatore di petrolio al mondo. Essendo il principale importatore del Canada, agli Stati Uniti manca questa risorsa. Quindi, le fluttuazioni del prezzo del petrolio rispecchiano il tasso della coppia USD/CAD in proporzione inversa. La crescita del prezzo del petrolio spinge USD/CAD al ribasso in mezzo all'apprezzamento del dollaro canadese. Esiste una correlazione inversa tra il prezzo del petrolio e il tasso USD/CAD. Dal gennaio 1988, gli analisti hanno registrato oltre il 68% di correlazione inversa tra la dinamica del petrolio e USD/CAD: è un'interrelazione piuttosto forte! Se conosci questo fatto, ti aiuterà molto a prevedere la dinamica di USD/CAD sul Forex.

L'economia australiana dipende principalmente dalle esportazioni di oro raffinato che rappresentano oltre il 50% delle esportazioni del paese. Ciò accade a causa dei giacimenti d'oro che l'Australia ha a sua disposizione a causa della sua posizione geografica. Il prezzo globale dell'oro e il tasso AUD/USD ha una correlazione più forte rispetto al prezzo del petrolio e alla coppia USD/CAD. Dal gennaio 1980 al 2006, le fluttuazioni di AUD/USD e dei prezzi dell'oro sono state quasi uguali. Inoltre, c'era la tendenza che l'inversione di tendenza dell'oro precedesse l'inversione di tendenza di AUD/USD. Nel 2005/2006, la correlazione è cambiata quando il prezzo dell'oro è salito mentre non si è registrato alcun trend rialzista del dollaro australiano rispetto alla valuta statunitense. Tuttavia, la correlazione rimane a lungo termine e può essere utilizzata come ulteriore strumento di previsione sul Forex. Dovresti sapere che il prezzo globale dell'oro e AUD/USD hanno una correlazione diretta.

L'economia della Nuova Zelanda dipende principalmente dalle esportazioni e dal suo vicino occidentale. Ma a differenza di Australia e Canada, nessun certo tipo di materie prime domina nelle esportazioni della Nuova Zelanda. Il paese fornisce prodotti lattiero-caseari, carne, pesce, legno, lana, ecc. A causa di una così grande varietà di materie prime vendute, il Commodity Research Bureau Index (CRB Index) viene utilizzato per determinare la correlazione tra i prezzi delle materie prime esportate e il tasso di cambio rispetto al dollaro USA. Questo indice coinvolge le principali materie prime e sembra essere l'indicatore di crescita dell'inflazione nel mondo. Il valore dell'indice CRB e NZD/USD hanno una correlazione diretta. Questa conoscenza può semplificare l'analisi e la previsione sul Forex.

Per riassumere, è meglio tenere conto della correlazione tra i prezzi delle materie prime e i tassi di cambio delle materie prime sul Forex solo a medio e lungo termine. Inoltre, ricorda che le esportazioni sono solo una parte di un'economia dipendente dalle materie prime. Prendendo una decisione sull'apertura o la chiusura di una posizione con valute delle materie prime sul Forex, assicurati di essere a conoscenza di altri fattori che influenzano l'economia del paese, come: tasso di rifinanziamento, situazione politica nel paese, ecc.
 

Condividi la tua opinione

Le informazioni sono state utili?

Commenti:

non è obbligatorio da compilare

Grazie per il tuo tempo e il feedback.
Il tuo feedback è molto importante per noi.

smile""