empty
 
 
Roulette del coronavirus: secondo gli esperti il farmaco Merck riduce il rischio di morte del 50%

Roulette del coronavirus: secondo gli esperti il farmaco Merck riduce il rischio di morte del 50%

Secondo una ricerca condotta dalla società americana Merck & Co Inc., il suo farmaco sperimentale riduce del 50% il rischio di morte per il COVID-19. Il medicinale è destinato all'uso orale e riduce la probabilità di ricovero o morte tra i pazienti a rischio.

L'obiettivo a breve termine del management di Merck e della società partner Ridgeback Biotherapeutics è ottenere l'approvazione del regolatore statunitense per l'uso di Molnupiravir in caso di emergenza. L'obiettivo a lungo termine delle aziende farmaceutiche è il riconoscimento mondiale del farmaco e la presentazione dei documenti presso le autorità di regolamentazione in un certo numero di paesi.

Molnupiravir è progettato per introdurre errori nel codice genetico del virus. Gli esperti ritengono che sarà il primo farmaco orale contro il COVID-19 a ricevere l'approvazione normativa.

Secondo gli esperti di Jefferies & Co, un trattamento efficace contro il coronavirus può portare più di 10 miliardi di dollari all'anno al paese. Al momento, Merck ha stipulato un contratto con le autorità americane, secondo il quale il prezzo per un ciclo di trattamento con Molnupiravir costerà 700 dollari. La somministrazione orale dei farmaci è considerata la più conveniente e meno traumatica. Attualmente, la vaccinazione è ora ufficialmente riconosciuta come l'unico trattamento per i pazienti con il coronavirus che non richiedono ricovero in ospedale.

Lo sviluppo di farmaci antivirali ha diverse fasi. Include l'impatto sul virus dopo la sua introduzione nel corpo umano, senza danneggiare le cellule sane. Per ottenere la massima efficacia, il medicinale deve essere preso nella fase iniziale della malattia. Secondo gli esperti, Molnupiravir soddisfa questi requisiti.

Gli esperti di malattie infettive sottolineano l'importanza della vaccinazione contro il COVID-19, ma considerano lo sviluppo di "alternative orali per sopprimere il coronavirus" una sfida chiave per la medicina. Secondo gli scienziati, questa malattia rimarrà con noi per molto tempo, quindi sono necessari farmaci facili da usare come pillole e gocce.

La maggior parte delle grandi aziende farmaceutiche, in particolare Enanta Pharmaceuticals, Pardes Biosciences, Novartis AG e la giapponese Shionogi & Co Ltd, hanno annunciato lo sviluppo dei loro farmaci contro il COVID-19. Pfizer e Merck, così come i loro partner Atea Pharmaceuticals e Roche AG, stanno pianificando di richiedere l'approvazione per le loro pillole antivirali contro il COVID-19. L'uso del farmaco innovativo sarà possibile alla fine del 2021. I loro concorrenti sono indietro in questa materia di quasi un anno. Secondo Jay Looly, CEO della società farmaceutica statunitense Enanta, il riutilizzo dei farmaci originariamente sviluppati per altre infezioni virali non è un approccio irragionevole. Tuttavia, non è noto quanto saranno efficaci contro il COVID-19 o quanto influenzeranno il tessuto polmonare.

Indietro

See also

In questo momento non potete parlare al telefono?
Ponete la vostra domanda nella chat.