empty
 
 
L'ondata di caldo estremo in India minaccia l'UE di carestia

L'ondata di caldo estremo in India minaccia l'UE di carestia

Gli analisti affermano che l'Unione europea potrebbe affrontare una crisi alimentare mentre le ondate di caldo continuano a soffocare l'India.

Secondo i dati attuali, l'ondata di caldo in India ha danneggiato circa il 20% del grano esportato nei paesi europei. Un possibile fallimento del raccolto in questa regione sarebbe un disastro non solo per l'India ma anche per l'Europa. Ricordiamo che molti paesi in Europa si sono rifiutati di commerciare con la Russia, facendo affidamento sul grano indiano.

Il 27 aprile, l'Osservatorio della NASA ha riferito che la temperatura più alta è stata osservata nella città indiana di Prayagraj - 45,9 gradi Celsius. In altre regioni del paese il caldo non ha superato i 43 gradi Celsius.

Sabato scorso, 30 aprile, la situazione è cambiata radicalmente. Secondo il canale Telegram di RAUIE, la temperatura è salita a 50-60 gradi Celsius in alcune zone dell'India. Allo stesso tempo, il numero di incendi boschivi è notevolmente aumentato, le esportazioni di grano, riso e zucchero sono diminuite. Ciò ha provocato carichi aggiuntivi sul sistema di alimentazione. Secondo gli esperti, il deterioramento della situazione attuale contribuisce a ulteriori acquisti di carbone e gas dalla Russia.

Il New York Times ha affermato che la situazione potrebbe creare caos nell'economia globale. Il giornale cita l'agricoltore Bose, che vive nello stato indiano del Rajasthan: “Un quinto del raccolto di grano e quasi il 50% del cumino sono già andati persi a causa del caldo. Ha aggiunto che l'attuale ondata di caldo ha reso più difficile lavorare all'aperto.

Il Washington Post è d'accordo con la sua controparte. Rappresentanti dei media ed esperti temono le conseguenze negative dell'ondata di caldo: “L'India soffre di temperature estremamente elevate che minacciano il raccolto di quest'anno. La regione indiana del Punjab, che produce il 20% del grano del paese e il 9% del suo riso, sarà probabilmente colpita duramente”.

Il Washington Post ritiene che le conseguenze della distruzione di massa dei raccolti influenzeranno negativamente l'economia dell'India e dei paesi europei. Si presume che il grano indiano avrebbe dovuto sostituire il grano ucraino e russo. Tuttavia, è improbabile che queste aspettative vengano soddisfatte. La minaccia di una carestia su larga scala incombe sull'Europa, avvertono gli esperti.

Questo problema è aggravato dall'elevata popolazione indiana (oltre 1,4 miliardi), che ha anche bisogno di cibo. È possibile che il raccolto di grano rimanente vada ai bisogni dei propri cittadini.

Indietro

See also

In questo momento non potete parlare al telefono?
Ponete la vostra domanda nella chat.