empty
 
 
Bloomberg: le riserve petrolifere statunitensi rischiano di scendere al minimo degli ultimi 40 anni

Bloomberg: le riserve petrolifere statunitensi rischiano di scendere al minimo degli ultimi 40 anni

Le scorte di petrolio degli Stati Uniti stanno diminuendo più rapidamente del previsto, scendendo ai livelli più bassi degli ultimi 40 anni.

L'esperto di Bloomberg Javier Blas ha detto al pubblico che le riserve strategiche di oro nero rischiano di raggiungere il livello più basso degli ultimi 40 anni, ovvero 358 milioni di barili. Secondo Blas, ciò accadrà se la riduzione delle scorte non potrà rallentare entro ottobre, periodo in cui gli Stati Uniti intendono interrompere il commercio delle proprie materie prime.

Nello stesso periodo dell'anno scorso, le riserve di petrolio erano al livello di 621 milioni di barili. Al momento, gli Stati Uniti stanno cercando di mantenere i prezzi mondiali del petrolio vendendo le proprie riserve. Ovviamente, una tale strategia non può durare a lungo. E quando queste vendite si fermeranno, i prezzi dell'oro nero saliranno alle stelle alla velocità della luce.

Blas ha anche ricordato che il petrolio dalle riserve statunitensi non è adatto a tutti i produttori. La più adatta sul mercato è considerata una varietà cruda ad alto contenuto di zolfo, che viene estratta in Russia, Venezuela e nei paesi del Medio Oriente. A causa delle materie prime più adatte, circa l'85% di tutte le vendite proviene da questi paesi. Gli Stati Uniti, a loro volta, hanno petrolio a basso contenuto di zolfo, che semplicemente non è adatto a molti acquirenti.

A metà giugno, il sito web dell'Agenzia internazionale dell'energia (IEA) ha riferito che le scorte commerciali globali di petrolio e prodotti petroliferi sono aumentate di 77 milioni di barili nell'aprile 2022, una cifra ancora al di sotto della media quinquennale.

Indietro

See also

In questo momento non potete parlare al telefono?
Ponete la vostra domanda nella chat.