30.10.202008:25 Ultime previsioni per EUR/USD il 30/10/2020 e raccomandazione di trading

Formalmente, la Banca centrale europea non ha cambiato nulla nella sua politica monetaria. Tuttavia, la moneta unica europea è subito scesa. Questo calo è dovuto al contesto in cui si è svolta la riunione del Consiglio della Banca Centrale Europea. Ad esempio, la tradizionale formulazione che i tassi di interesse rimarranno ai livelli attuali, o anche inferiori, fino a quando l'inflazione si avvicinerà al livello target del 2,0%, inizia ad acquistare un significato diverso nell'ambiente deflazionistico. Dopotutto, ciò significa che poiché i prezzi al consumo continuano a scendere, possono essere ridotti anche i tassi di interesse. Almeno la Banca centrale europea si riserva questa opportunità. Inoltre, si afferma che il programma PEPP introdotto a causa della pandemia di coronavirus, se necessario, sarà prorogato fino alla fine del 2022. Gli appelli di Angela Merkel ad introdurre quanto prima una nuova quarantena in tutta Europa sembrano essere questa necessità. È ovvio per tutti che le imprese non hanno ancora avuto il tempo di riprendersi dalla quarantena primaverile e che le nuove imprese, le piccole e medie imprese non sopravviveranno. Dunque la Banca centrale europea dovrà compiere molti sforzi per evitare un completo collasso dell'economia. In altre parole, proprio a causa di tutto ciò che sta accadendo in Europa adesso, tutte le formulazioni riguardanti le possibili azioni del regolatore sono percepite come piani concreti per il prossimo futuro.

Exchange Rates 30.10.2020 analysis

Per essere onesti, va notato che le statistiche americane si sono rivelate migliori delle previsioni di ieri. Il che di per sé contribuisce al rafforzamento del dollaro. Ovviamente, il numero di richieste iniziali di indennità di disoccupazione è diminuito meno del previsto. Era previsto un calo da 791mila a 750mila, infatti il loro numero è sceso a 751mila, ma si tratta comunque di una riduzione. Ma ancora più importante è la rapida diminuzione del numero di domande ripetute di sussidi di disoccupazione. Esso sarebbe dovuto passare da 8.465mila a 7.900mila. Ma il loro numero è sceso a 7.756mila. Sebbene i dati precedenti, sia per le domande iniziali che per quelle ripetute, siano stati rivisti al rialzo, il fatto stesso della continua riduzione della disoccupazione, soprattutto molto più velocemente delle previsioni, elimina completamente questo problema. Inoltre, la prima stima del PIL per il terzo trimestre ha mostrato un rallentamento del tasso di declino economico negli Stati Uniti da -9,0% a -2,9%. Quindi l'economia mostra chiaramente una solida ripresa.

Domande ripetute di sussidi di disoccupazione (Stati Uniti):

Exchange Rates 30.10.2020 analysis

A prima vista, oggi la moneta unica europea può avere un'ottima ragione per rafforzarsi. Tuttavia, è un'impressione fuorviante. Ad esempio, una stima preliminare del PIL potrebbe mostrare un rallentamento del tasso di declino economico da -14,7% a -8,0%. Sembra tutto a posto. Ma rispetto agli Stati Uniti, sembra più un disastro, poiché la recessione è molto più ampia. Inoltre, una stima preliminare della dinamica dei prezzi al consumo dovrebbe mostrare un rallentamento della deflazione da -0,3% a -0,2%. Ma va notato che questa è ancora la deflazione, che va avanti per il terzo mese consecutivo. Quindi entrambi questi indicatori non sembrano così buoni. Inoltre il tasso di disoccupazione, non secondo stime preliminari, ma di fatto, potrebbe salire dall'8,1% all'8,6%. Il che sembra assolutamente orribile sullo sfondo del calo della disoccupazione negli Stati Uniti. Pertanto, è probabile che le statistiche europee minino ulteriormente la posizione della moneta unica europea.

Inflazione (Europa):

Exchange Rates 30.10.2020 analysis

La coppia di valute EUR / USD continua il suo movimento discendente. Di conseguenza, il livello di supporto di 1,1700 è stato rotto e la quotazione si è precipitata al successivo punto di supporto a 1,1650, dove si è verificato un pullback.

Se procediamo dalla posizione attuale della quotazione, vedremo il mercato avere ancora posizioni corte, il che potrebbe portare al completamento del processo di pullback e all'aggiornamento del minimo locale.

Si registra un'accelerazione in relazione alle dinamiche di mercato, confermata dall'elevato interesse speculativo per il mercato.

Guardando il grafico di trading in termini generali (periodo giornaliero), si può vedere che il tick al rialzo da 1,1612 è quasi completato, dove la scala di recupero è dell'84%.

Si può presumere che l'assenza di fissazione del prezzo superiore a 1,1695 porterà alla ripresa del movimento al ribasso, dove il primo punto per i venditori sarà il minimo del giorno precedente di 1,1650. Una rottura della coordinata 1,1650, a sua volta, indicherà un movimento successivo verso il minimo del 25 settembre - 1,1612.

Dal punto di vista dell'analisi complessiva degli indicatori, vediamo che gli indicatori degli strumenti tecnici sui periodi orari e giornalieri segnalano una vendita dovuta ad un rapido movimento al ribasso.

Exchange Rates 30.10.2020 analysis


*La presente analisi del mercato ha un carattere esclusivamente informativo e non rappresenta una guida per l`effettuazione di una transazione.

Distinti saluti,
Analista del: Dean Leo
GS InstaForex © 2007-2020
Approfittati subito dei consigli degli analisti
Deposita i fondi sul conto di trading
Apri un conto di trading

Le recensioni analitiche di InstaForex ti renderanno pienamente consapevole delle tendenze del mercato! Essendo un cliente InstaForex, ti viene fornito un gran numero di servizi gratuiti per il trading efficiente.

Mostra di più
In questo momento non potete parlare al telefono?
Ponete la vostra domanda nella chat.